dell’amore e del sesso- considerazioni inopportune di un Assistente sociale

img_20181102_161202_481812906655.jpgA volte. Soprattutto durante la vacanze, quando tutto un po’ si calma, rifletto sul fatto che lavorare sempre “sull’aggiustare” le situazioni è interessante, ma quanto sarebbe più semplice lavorare sull’aiutare le persone a far iniziare bene le cose? Ormai da 20 anni vedo i disastri causati da relazioni nate in modo “occasionale”, per noia, per solitudine, per insicurezza o per “arroganza”. E allora , qualche volta mi viene voglia di dire come la vedo, ben consapevole che è la mia esperienza, mica vangelo. Ben consapevole che a volte ho bisogno anche io di semplificare… non me ne vogliate.

A me sembra che sia ormai sedimentata la convinzione che il “sentimento” sia sempre nel giusto, che quel sentimento non sia mai “ragionato” e “valutato”. È spesso una questione di pudore per le donne e di incapacità per gli uomini.

Gli uomini si sa che hanno una grammatica emotiva pari a zero: per un uomo l’amore svanisce quando non ha più voglia di avere una relazione sessuale con la sua compagna. Non si domanda perché, non si domanda per come, semplicemente non c’è più il desiderio di accoppiarsi e quindi l’amore è finito. Le donne, da parte loro, non hanno nessun problema ad enumerare tutte quelle situazioni in cui sentono che la loro sfera emotiva sia appagata, in compenso escludono “categoricamente” che il sesso sia un indicatore di come va la loro relazione.

Gli uomini pensano che alle donne, dopo un certo periodo, il sesso non interessa più.

Le donne pensano che agli uomini interessi solo quello.

Gli uomini,anche i più impenitenti traditori, hanno la consapevolezza che il legame che hanno con la compagna sia altro rispetto al sesso, altrimenti la lascerebbero e basta. Le donne hanno la convinzione che se esprimessero il loro desiderio sessuale metterebbero in difficoltà l’uomo che sembra non essere mai all’altezza, ma hanno paura loro stesse di non esserlo.

Gli uomini si rifiutano per orgoglio di esprimere quanta consolazione trovino fra le braccia della compagna, danno per scontato che Lei lo capisca.

Le donne, per pudore, non parlano di quello che vorrebbero sotto le lenzuola, dando per scontato che i maschi abbiano un’educazione sessuale diversa dai video di youporn.

Paradossalmente, chi si avventura nel campo avversario (gli uomini nei sentimenti, le donne nel sesso) non trovano riscontri perché per le donne un uomo “emotivo” non le costringe a mettersi alla prova sul sesso e quindi non nasce mai una relazione,   agli uomini una donna sessualmente emancipata fa paura. Una relazione non è solo sesso, è anche progetti, cene, lavoro, casa, figli, impegno, feste, ma senza sesso fa fatica a funzionare.

Nessuno chiede mai “secondo te è quello/a giusto per me?” perché non ci rendiamo conto di quanto un “si” possa condizionare molto tempo della nostra vita. La Tv ci ha sottilmente suggerito che una relazione finisce e se ne inizia un’altra (beautiful docet), ma quanta fatica passa fra una relazione e l’altra non lo spiegano mai. Soprattutto non spiegano che, perché una relazione funzioni in modo diverso dalla precedente, ammesso e non concesso che si voglia davvero una relazione diversa, si deve fare qualcosa di diverso. Ma nessuno chiede mai…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...